« Indietro

Sollevamento e movimentazione


Nel caso di movimentazione e sollevamento tramite l’uso di carrelli elevatori si consiglia l’utilizzo di un solo mezzo per pannelli
fino a 6 metri di lunghezza (1) e di due mezzi per pannelli con lunghezze superiori ai 6 metri (2) , fatte salve le indicazioni per il
sollevamento e la movimentazione a mezzo di gru, fasce e bilanciere. È necessario prestare sempre attenzione che le forche dei
sollevatori abbiano pale con protezioni o larghezze tali da non danneggiare la superficie di contatto con i pannelli. Per il sollevamento
e la movimentazione di pannelli con lunghezze fino a 6 metri si consiglia l’utilizzo di gru e cinghie con due punti di presa. (3)
Per le lunghezze superiori si consiglia l’utilizzo di gru con bilanciere e cinghie con tre punti di presa. (4)
Resta comunque a cura del cliente verificare, prima dello scarico e in funzione della tipologia dei prodotti e del peso dei pacchi, che
il posizionamento dei distanziatori e dei cinghiaggi risulti idoneo a non creare fenomeni di schiacciamento o danneggiamento. Si
consiglia in questo caso di aumentare il numero di supporti e cinghiaggi al fine di ottenere un corretto sistema di sollevamento e
movimentazione. In ogni caso i distanziatori inferiori devono avere una larghezza sufficiente a evitare che il peso del pacco provochi
deformazioni permanenti ai manufatti. Imbragare il pacco utilizzando bilanciere e idonee cinghie di nylon, con una larghezza
superiore a 100 mm, in modo che il carico sulla cinghia sia distribuito e non provochi deformazioni. Devono essere impiegati
appositi distanziatori posti al di sotto e al di sopra del pacco, costituiti da robusti elementi piani di legno o materiale plastico, che
impediscano il diretto contatto delle cinghie con il pacco. Tali distanziatori devono rispettare delle dimensioni minime. La lunghezza
deve essere maggiore di almeno 5 cm per lato rispetto alla larghezza del pacco. La larghezza deve avere una dimensione totale
maggiore di almeno 30 mm rispetto alla larghezza della fascia con una scanalatura di contenimento dei cinghiaggi pari alla loro
dimensione maggiorata di almeno 10 mm; occorre porre attenzione affinché le imbragature ed i sostegni non si muovano durante
il sollevamento e la movimentazione, e che le manovre siano eseguite con cautela e gradualità. Il deposito dei pacchi sulla struttura
della copertura deve essere effettuato solo su piani idonei a sopportarli per resistenza, per condizioni di appoggio e per questioni di
sicurezza anche in relazione alle lavorazioni in corso d’opera. Si consiglia di richiedere sempre preventivamente alla direzione lavori
l’autorizzazione al deposito dei materiali e la verifica dell’idoneità del luogo individuato. I pacchi depositati in quota dovranno sempre
essere adeguatamente vincolati alle strutture. Posizionare il pacco su una superficie piatta e rigida interponendo ad una distanza
massima di 1000 mm elementi di polistirolo o tavole di legno dello spessore minimo di 50 mm e larghezza minima di 200 mm. Lo
stoccaggio dovrà avere lieve pendenza per favorire il deflusso di eventuale condensa ed evitare il ristagno d’acqua. (5)
La manipolazione degli elementi dovrà essere effettuata impiegando dpi adeguati (guanti, scarpe antinfortunistiche, tute, ecc.), in
conformità alle normative vigenti. Durante la presa del pannello fare attenzione a non usare come appiglio le parti più sensibili a
deformazione, e impugnare il pannello solo abbracciandone completamente lo spessore. (6)
Attrezzature di presa, così come i guanti da lavoro, dovranno essere puliti e tali da non arrecare danni ai manufatti. Si sconsiglia l’uso
di carrelli elevatori per la movimentazione degli elementi, in quanto causa di danneggiamenti. I pacchi depositati in quota dovranno
sempre essere adeguatamente vincolati alle strutture. La movimentazione manuale del singolo elemento dovrà sempre essere
effettuata sollevando l’elemento stesso senza strisciarlo su quello inferiore e ruotandolo di lato a fianco del pacco. (7)
Il trasporto dovrà essere effettuato almeno da due persone in funzione della lunghezza e del peso dei pannelli, mantenendo
l’elemento in costa. (8, 9)

Stoccaggio


Le migliori condizioni di immagazzinamento si hanno in locali chiusi, con leggera ventilazione, privi di umidità e non polverosi. In
ogni caso è necessario predisporre un adeguato piano di appoggio stabile che non permetta il ristagno dell’acqua. Il posizionamento
dei pacchi non dovrà avvenire in zone prossime a lavorazioni (esempio: taglio di metalli, sabbiatura, verniciatura, saldatura, ecc.)
né in zone in cui il transito o la sosta di mezzi operativi possa provocare danni (urti, schizzi, gas di scarico, ecc.). In funzione del
peso e del tipo di materiale fornito (da valutarsi da parte del cliente), si potranno sovrapporre al massimo tre pacchi con un’altezza
complessiva massima di 2,6 m circa. In questo caso è necessario infittire adeguatamente i sostegni. (5)
Nel caso in cui i materiali siano coperti da film protettivo, lo stesso dovrà essere completamente rimosso in fase di montaggio
e comunque entro e non oltre trenta (30) giorni dalla data di approntamento dei materiali stessi e a condizione che i colli
siano ricoverati, in luogo ombreggiato, coperto, ventilato e protetto da qualsivoglia tipo di intemperie. (10) I l periodo di
immagazzinamento all’aperto non dovrà mai superare due (2) settimane. (11)
In ogni caso i materiali dovranno essere sempre protetti dall’irraggiamento solare diretto, in quanto lo stesso può essere causa di
alterazioni. Nel caso di protezione a mezzo telone, occorre assicurare sia l’impermeabilità, sia un’adeguata aerazione per evitare
ristagni di condensa e la formazione di sacche di acqua. In ambiente chiuso, asciutto e ventilato l’immagazzinamento non dovra’
superare i sei (6) mesi. (12)

PER INFORMAZIONI SULLE

:
- condizioni generali di vendita;
- norme sulla movimentazione, manipolazione e stoccaggio delle lamiere grecate, dei pannelli metallici coibentati e degli accessori;
- raccomandazioni per il montaggio delle lamiere grecate e dei pannelli metallici coibentati;
- istruzioni per l’ispezione e la manutenzione delle coperture e pareti in pannelli metallici coibentati e in lamiere grecate
SI RIMANDA AL SITO www.lattonedil.it nell’apposita sezione.
PRENOTA UNA NOSTRA
VISITA
OPPURE VIENI AL
CENTRO EXPERIENCE
LATTONEDIL
LATTONEDIL S.P.A MILANO
Via degli Artigiani, 14
22060 Carimate (Co)
* Mandatory fields
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Maggiori informazioni. Proseguendo la navigazione dai l' accettazione